Denise Calvano, pizzaiola e panificatrice: “La pinsa romana mi ha letteralmente cambiato la vita”

Forte e determinata, basta guardarla negli occhi per capirlo. Denise Calvano, pizzaiola e panificatrice romana, specializzata in alte idratazioni e impasti alternativi si racconta come non mai. La sua avventura in cucina è iniziata prestissimo, a 14 anni come lavapiatti, ma la sua carriera è stata tutta in ascesa. “Ho iniziato a 14 anni, nelle cucine come lavapiatti, risalendo abbastanza velocemente la “china”, fino a ritrovarmi sous chef a 19 anni. A 20 gestivo già la mia cucina in un piccolo ristorante al centro di Roma, a 25 decisi di cambiare aria e sono approdata in una pizzeria-griglieria. Nel giro di un anno i numeri iniziali sono triplicati”.

In quel periodo quale momento ricorda come momento di difficoltà?

“C’è stato un momento in particolare, quando il pizzaiolo ci ha abbandonato e mi sono ritrovata catapultata in un mondo di idratazioni e maturazioni che non conoscevo affatto. Grazie all’aiuto iniziale di persone che reputo grandi professionisti, ho iniziato a destreggiarmi in un’arte in cui mi sono stranamente scoperta portata. Fino ad allora non avevo mai avuto nemmeno la curiosità di conoscere questo mondo fantastico. Non ho scelto io di intraprendere questa strada, quindi non avevo nessun riferimento o modello da seguire, mi sono semplicemente buttata e ad 1 anno dall inizio ho iniziato a vedere i miei progressi, grazie alle reazioni positive dei clienti. Abbiamo trasformato la pizzeria in pinseria, per poi tornare alla pizza che è stato il mio primo amore”.

Dopo cosi tante esperienze, lavori e peripezie, Denise ha trovato la sua vocazione. O meglio, tra un impasto, pomodoro e mozzarella.

Quanto è stato difficile per una donna farsi strada in questo ambiente?

“Questo lavoro mi ha temprato parecchio a livello caratteriale e mi ha reso molto più paziente. Una cosa che ripeto sempre è che per essere un buon insegnante, non bisogna mai smettere di essere un allievo. C’è sempre da imparare in questo mondo in continua evoluzione, l’umiltà è alla base di tutto. Tra uomo e donna ci sono delle differenza ma anche tantissime similitudini e non ho riscontrato particolarissimi problemi. E’ una questione culturale, l’intelligenza è alla base di tutto. La competizione è sempre un errore indipendentemente dal sesso. Le persone che mi spingono a dare sempre di più sono soprattutto i miei clienti, oltre che gli amici e colleghi con cui mi confronto spesso”.

Quale piatto è quello quello che più rappresenta Denise Calvano?

“Non saprei rappresentarmi in un solo piatto, adoro sperimentare e giocare con sapori e consistenze, inoltre ho visto molto eclettici; da brava romana, però, consiglio spesso la mia pizza alla carbonara che con mia grande soddisfazione è sempre molto apprezzata”.

Quanto tempo occorre per imparare a fare bene la pizza?

“La parte più difficile è la manualità la capacità d’imparare velocemente i ‘segreti’ ci vuole molta dedizione, costanza per tenersi allenati e scoprire il proprio stile. Ci riesce solo chi investe tanta passione”.

Quale consigli darebbe ad un allievo Denise Calvano?

“Di non scoraggiarsi, di essere tenace e coraggioso ma soprattutto molto testardo”.

La storia lavorativa di Denise Calvano è sicuramente un successo figlio della determinazione, del buon gusto e del garbo tutta al femminile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...